Donna che corre inquadrata di spalle

di Elisabetta Corradin
#leguidesiraccontano

Chissà quante volte, in queste ultime settimane, anche a voi è capitato di pensare: "Com'era bello quando...".

Sì, era davvero bello quando eravamo liberi di uscire di casa in qualsiasi momento e senza dover spiegare a nessuno il perché; quando, incontrando un amico, potevamo abbracciarlo senza temere per la nostra salute; quando, alla sera, ci si ritrovava per un aperitivo o per andare insieme al cinema.

Forse, in questi giorni pieni di cose fatte a distanza, ci mancano persino le interminabili giornate trascorse in ufficio o a scuola, i faticosi allenamenti in palestra, i mezzi pubblici perennemente affollati e in ritardo.

Eppure quando tutto questo era possibile, anzi normale, spesso ci lamentavamo per le troppe cose da fare e avremmo pagato oro per avere qualche ora in più da dedicare a noi stessi, alla nostra famiglia e alla nostra casa, quella stessa casa in cui ora ci sentiamo quasi prigionieri.

Fino a un mese fa ci preoccupavamo per come fare ad incastrare i mille impegni che si inseguivano e si sovrapponevano, poi una mano invisibile ha cancellato buona parte di quegli appuntamenti: ora il problema non è più come fare, ma cosa fare per riempire in modo nuovo le pagine della nostra agenda diventate improvvisamente bianche.

Ma perché non siamo mai contenti di quello che abbiamo? Forse perché si tende a dare tutto per scontato.

Questo pensiero fa volare la mia mente ad una delle cose che mi mancano di più: fare la guida a Dialogo nel Buio!

Tra le riflessioni più ricorrenti dei nostri visitatori, c'è proprio la consapevolezza di non apprezzare abbastanza ciò che abbiamo, perché lo consideriamo appunto normale: a cominciare dal dono della vista, la cui importanza si capisce pienamente solo quando viene a mancare, anche se per un'ora soltanto; ma anche tutti gli altri sensi che, insieme alla vista, permettono di conoscere a 360 gradi la realtà che ci circonda: queste finestre sul mondo, sempre a nostra disposizione, sono spesso messe in ombra dalla cultura dell'immagine e dalla necessità di fare tutto nel minor tempo possibile.

A Dialogo nel Buio, invece, le cose si fanno con calma proprio per gustare lo stupore che nasce guardando il mondo con tutti i sensi.

Il dare per scontato è spesso alla base di uno dei più grandi nemici dell'integrazione, ovvero il pregiudizio: pensare di sapere come si sente o cosa può e non può fare un disabile visivo, ad esempio, impedisce di aprirsi a lui considerandolo innanzitutto come persona, portatrice come tutti di limiti ma anche di potenzialità da scoprire.

Altre volte, invece, si rischia di dare per scontato che tutti abbiano le nostre stesse facoltà: quando mi imbatto in una bicicletta o una moto parcheggiata sul marciapiede, mi chiedo cosa abbia pensato quella persona nel compiere tale mancanza: forse non ha proprio pensato ma, appunto, ha dato per scontato che, se un pedone passa su quel marciapiede, la vede e quindi la evita, non considerando che qualcuno invece potrebbe non vederla o magari, pur vedendola, non riuscirebbe ad evitarla perché ad esempio si sposta su una sedia a rotelle. Lo stesso vale per i siti Internet o le app non accessibili, progettate tenendo conto di utenti standard e non delle persone reali. 

Anche nelle nostre attività di formazione aziendale il tema del dare per scontato ritorna con frequenza: tra le cause delle difficoltà di comunicazione all'interno di un team, ma anche in famiglia o tra amici, c'è spesso l'errata convinzione che l'altro capisca il mio linguaggio o, al contrario, che non valga la pena di dialogare perché comunque l'altro non può capirmi.

Tornando a noi... Spero che, quando questa situazione si sarà risolta, ci lasci con una maggiore consapevolezza sui tanti doni che abbiamo: come il buio di Dialogo, forse ci aiuterà a guardare alla realtà di tutti i giorni con occhi completamente nuovi.

di Elisabetta Corradin

Dicono di noi

elaborazione grafica di una pagina del Corriere della Sera

Selezione di articoli e servizi web, televisione e radio che parlano della mostra.

 

Partner

 Logo del Ministero dell'istruzione, ufficio scolastico per la Lombardia





logo della Fondazione Cariplo

Realizzato da

Logo dell'Istituto dei Ciechi di Milano

In collaborazione con

Logo di Dialogue Social Enterprise

L'idea di Dialogo nel Buio ed i suoi relativi marchi sono proprietà intellettuale di Dialogue Social Enterprise GmbH

Contatti

Via Vivaio, 7
20122 Milano Italy
Tel. +39 02 77 22 62 10
Fax +39 02 77 22 63 39
P.IVA IT07731750159

Seguici su FacebookSeguici su Twitter

Questo sito o gli strumenti installati forniti da terze parti si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione si acconsente all'uso di cookie.